sabato 18 gennaio 2014

Tutorial e pensieri

Questo non è un momento allegro, lo posso asserire con tutta me stessa. Ma, ahimè, non posso vivere o non vivere a mio piacimento, qui sono, nel bene e nel male, qui vivo, qui rido, qui piango, qui: nel palcoscenico della vita svolgo tutti i ruoli che i miei copioni mi impongono. A volte penso al mio nome "Eleonora", alla mia passione maledetta -il teatro- e a un copione di Ibsen:  "Casa di Bambola" con la sua Nora. Tutto torna, no?
Chissà come, nella mia testa, teatro e miniature hanno cominciato ad associarsi.
Il teatro, per quanto continui ad amarlo con tutta me stessa, come un amante che mai mi ha corrisposta, con uno strazio indelebile, Lui...ancora non riesco a guardare uno spettacolo, ad entrarci fisicamente, anche solo a passare davanti ad un teatro...senza sentirmi un po' male.Un po', solo un po'. Perché star male è altro, e lo so.
E le miniature...il mio piccolo mondo, il mio piccolo scenario di vita che non c'è!
Bah...questi sono i miei pensieri sconclusionati e inconcludenti, ma per chi ha avuto la pazienza di arrivare qui, ho un piccolo tutorial: la costruzione della mia casa va avanti a passo di lumaca, e siccome andare avanti con la struttura mi fa paura, mi perdo nelle piccole cose...o meglio, nelle cose piccole delle piccole cose!
I miei pittori preferiti in assoluto sono Klimt e Tamara De Lempiska. E sono le loro opere che vorrei nella mia casa. Quindi ho cercato e scaricato i miei quadri preferiti. E ovviamente è arrivato il problema: come li posso incorniciare economicamente?
Ultimamente mi sono guardata un sacco di tutorial, nel tentativo di spendere il meno possibile. Un grande aiuto mi è arrivato da Mely, che oltre ad essere una persona meravigliosa (Mely, Mely...nemmeno tu forse lo sai quanto sei speciale!), mi ha fatto conoscere un materiale chiamato  "carton pane" o "carton legno" materiale stupendo che riunisce i pregi del legno con quelli del cartoncino...se non mi credete date un'occhiata al suo blog, e vedrete di cosa parlo! Un altra grande fonte di ispirazione che mi è servita per il tutorial che sto per proporre è Ersila ,meglio nota come Dada's dollhouse,un'altra grandissima miniaturista italiana...date un'occhiata al suo blog e capirete il perché della mia ammirazione!
Insomma, ho preso in prestito le conoscenze di queste due artiste, le ho unite e ho cercato di incorniciare i miei pittori preferiti! Ecco come ho fatto:

Ho stampato l'immagine che volevo (è grande, ma rappresenta un particolare dell'opera"Serpenti d'acqua" che io ho in scala 1:1 sopra il mio divano...poi vi mostrerò!)

Ho trascritto i margini su un cartoncino (scatola dei corn flakes), aumentato i margini di 7 mm e tracciato le diagonali


Ho incollato l'immagine nel suo spazio



Ho poi preso le misure del "dipinto"su un foglio a parte (io ho usato un foglio bianco...ma col senno di poi e col senno di .. Mely...usando un foglio a quadretti è più semplice) , per avere uno schema sicuro, e ho tracciato, accanto al perimetro del quadro, un cm di passe partout esterno. Dentro questo cm ho tracciato altri tre segmenti:







Per le più esperte questa sagoma si può superare...per le imbranate come me la consiglio (ma vi autorizzo, voi imbranate come me, a dire "ah, io questo pezzo l'ho saltato..

Ho poi riportato questa sagoma sul carton legno, ( se non lo trovate potete usare un compensato da 2 mm) e l'ho tagliata aiutandomi con un righello:




                                       
Aiutandomi con la sagoma di carta, ho ritagliato dal cartoncino dei corn flakes,  i "listelli" della cornice: 4 per la sezione più interna e 4 per quella più esterna, usando il bordo bombato del cartoncino:


Ho usato la "bombatura" esterna per i lati "esterni", "interna" per quelli "interni".... (oh....prego un qualche Dio dei tutorial...mi rileggo e non so come qualcuno possa capire...)




Ho incollato i vari pezzi nella loro sezione e ho passato due mani di bianco:

Una volta  asciugato il bianco, ho mischiato un acrilico oro con acrilico ramato (rapporto di 2:1) e ho dato delle pennellate veloci, con il pennello asciutto.



 Ho infine incollato la cornice sul bordo che avevo lasciato nel quadro:



Spero davvero che possa servire a qualcuno!






giovedì 19 dicembre 2013

A passo di lumaca

La mia casetta non è stata ancora toccata, i mille lavori che faccio si concentrano sempre tutti nei periodi festivi e non ho mai tempo, mio marito che è l'unico che può aiutarmi ha meno tempo di me, in più, lo stato d'animo non è dei migliori: mio papà è in ospedale e non si sa ancora nulla sulla causa dei suoi problemi. Ho fatto qualche miniatura per tenermi occupata nei momenti vuoti, quei momenti in cui la testa va per conto suo e ti porta a formulare una miriade di pensieri non sempre piacevoli, ho ordinato le finestre per la mia casetta (volevo anche le persiane, ma causa "pochi soldi" ho deciso di provare a farle da sola, e in caso di "pasticci" ordinarle in un secondo momento) e ho adocchiato bellissimi mobili e accessori su Etsy. Per ora diciamo che più che "il braccio"...sono "la mente"....e nemmeno troppo sveglia!
Almeno una cosa l'ho ultimata: Jeanne e Paul sono finiti e ora se ne stanno nervosi in attesa di dimora. Quindi vi presento i mostriciattoli finiti (ah, lei...sono io!):



 
 
Devo rifinire i vestiti di Paul, magari i bottoni e una tasca alla camicia, ma per adesso può aspettare!
 
Per chi volesse approfittarne, fino al 7 Gennaio, su tutti gli articoli del mio negozio Etsy ci sarà uno sconto del 10%
 
 
E se non torno prima...auguro a tutti un Buon Natale e un Felice Anno Nuovo!
 

mercoledì 4 dicembre 2013

Progetti (im)probabili

Dicono che la casa nasconde ma non ruba...ebbene, non è vero! Oggi volevo andare avanti con una miniatura (della quale vi parlerò tra poco) ma non trovo la pistola della colla a caldo, così, dopo aver rovistato in tutti gli angoli ed essermi arrabbiata, ho deciso che per oggi non faccio nulla (anche per forza...)!
Prima di dirvi i miei progetti vi faccio vedere gli ultimi cibi, dai quali mi sono però presa qualche  giorno di pausa:


Grissini con prosciutto crudo:



Canederli (piatto tipico del Trentino AltoAdige):
 
 
 
Gnocchi alla boscaiola:



Spaghetti con le cozze:

 


Spaghetti al tartufo:

 
 
 Pasta regina in brodo (piatto tipico marchigiano):
 

 
 
Preparazione dei tortellini e tortellini in brodo:
 



 
 
Preparazione degli gnocchi e gnocchi con salsa di pomodoro:
 



 
 
 
 
E siccome c'è crisi, non si butta niente: quando avanzano gli spaghetti ci si fa la frittata!
 



Preparazione della polenta e polenta al ragù:






 
 
Anelli fritti di cipolla:


Pizza speck e scamorza:

 
 
E ovviamente, visto il periodo, ho fatto anche altre preparazioni natalizie che potete gustarvi in video:
 
 video
 
E ora finalmente vi parlo dei (im)probabili progetti futuri....ho messo il suffisso "im" tra parentesi perché non so dove mettere le mani, per la costruzione delle strutture sono negata, mi prende l'ansia solo al pensiero di rimettere le carte da parati...ma ecco, ricordate la mia casetta gialla costruita con ciò che rimaneva della casa Del Prado? Ebbene, una mia amica che aveva iniziato a costruirla simile alla mia, ha abbandonato il progetto e mi ha regalato la struttura. Ho quindi pensato che potrei unirle (anche se non so se mi riuscirà), e creare una grande casa, lasciare il tetto alla mia, ma nell'altra mettere la mini serra di Ikea, "terrazzare" il perimetro e fare una sorta di giardino coperto. Ecco, per ora...è tutto così:
 
 
L'idea è di curare tutto nei minimi dettagli e farla diventare la casa dei miei sogni, una casa di campagna, magari alla periferia di Parigi...vorrei fare i rivestimenti di legno in alcune pareti (come si fa...?), mettere il parquet in alcune stanze (e chi l'ha mai fatto...), comprare pian piano solo mobili belli, mobili che comprerei per una casa vera (essendo disoccupata il processo di arredamento sarà molto lungo...), fare le finestre con le persiane di legno aperto, come erano sempre le casette che disegnavo da piccola (disegnarle su un foglio con un pennarello forse era molto più semplice!). Insomma ecco, ho tante, tante idee e io questa casa la vedo chiara nella mia mente, ma so anche che tra il dire e il fare...c'è di mezzo il mare!
Intanto ho acquistato la cucina...me ne sono innamorata e appena arriverà ve la mostrerò! Poi ho fatto un pezzo che di certo, non potrebbe mancare, una mia grande passione in scala 1:1 : un grammofono! Ne vado molto fiera malgrado non sia perfetto, spero vi piaccia tanto quanto piace a me:
 



 
 
Eccolo qua, accanto a quello mio "vero":


 

 Per il marchio "la Voce del Padrone", uguale identico a quello in scala 1:1, ringrazio il mio solito angelo custode che lo ha trovato, rimpicciolito e me lo ha mandato...verso le tre di notte. Di chi sto parlando? Della mia cara, carissima Caterina!
Già lo vedo il mio mini grammofono nel salone della mia casetta romatica...e spingendomi avanti con la fantasia, ho pensato agli abitanti...e ieri li ho iniziati! La colla a caldo mi serviva per montarli...ma preferisco farli quando non sono nervosa...Comunque ve li presento, sono Paul e Jeanne. I nomi sono quelli dei protagonisti di "Ultimo Tango a Parigi", film che mi ha sempre suscitato forti emozioni e molto contrastanti...ho deciso di dare loro una chance, nella mia sceneggiatura i due si innamorano, lui vende l'albergo che gestiva con la moglie, lei lascia il suo fidanzato e vanno a vivere...nella mia casetta! Lei....doveva assomigliare a me...con un po' di fantasia...

 
Ho anche perduto i capelli in lana tibetana che mi servivano per lei, quindi dovrà restare calva ancora per un po'. Pensavo di farle una gonna lunga, una camicetta scollata e un bustino, un mix tra antico e moderno, e lui con dei pantaloni di lino e una camicia...ma anche qui...le mie doti di sarta sono quelle che sono, e chissà che ne verrà fuori...anche loro sono mostriciattoli come le mie altre bambole...ma che ci posso fare, io già mi sono affezionata!
Ho scritto un post lunghissimo...chissà se siete riusciti ad arrivare fino in fondo???
Un abbraccio, e spero che la prossima volta la casa e i suoi abitanti abbiano preso almeno una forma!